Tag:

Fame d’amore. Una nuova cura per anoressia e bulimia di Peggy Claude – Pierre

L?anoressia è una ladra bugiarda che ti tiene incatenata in una prigione silenziosa ed isolata?

/ 12.116 visite / No Comment
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Scheda del Libro

Titolo Fame d'amore. Una nuova cura per anoressia e bulimia
Autore Peggy Claude - Pierre
Uscita 2001
Editore Mondadori
Pagine 284
Recensito da Alessandra
ISBN 8804424915
Anteprima
Genere Romanzi

..[ ] L’anoressia è una ladra bugiarda che ti tiene incatenata in una prigione silenziosa ed isolata?[ ] Dovevo essere perfetta in ogni cosa, ma regolarmente fallivo, e io volevo accontentare tutti. Ero apatica, incurante della vita, vivevo attraverso gli altri, per loro, secondo le loro aspettative, perché non meritavo di farlo per me stessa?[ ] Assorbivo i dolori e le sofferenze di tutti quelli che incontravo, mi impregnavo di tutta la negatività e affondavo in un abisso di disperazione e depressione?[ ] La pressione all’interno della mia testa mi faceva impazzire e non sapevo come alleviarla? [ ] Mi domandavo che cosa avessi fatto per dover sopportare una tortura simile..

Peggy Claude Pierre è una mamma canadese, che vive e lavora a Victoria. Questo libro è la sua storia autobiografica e i fatti che sono narrati all’interno sono accaduti realmente. Dopo essere riuscita a curare le figlie, entrambe affette da anoressia, Peggy ha aperto nel 1993 uno studio per la cura dei disordini alimentari, sviluppando un proprio personale metodo di cura rivolto in particolar modo a tutte quelle pazienti (anche maschi, categoria nella quale spesso si sottovaluta il problema!) che dopo aver tentato più volte di guarire, hanno perso le speranze di riuscire ad uscire dal problema.

Per il suo lavoro, Peggy ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti; attualmente il suo metodo (metodo Montreux) continua ad essere applicato in diverse cliniche sparse in tutto il mondo.
Il libro nasce con lo scopo di sfatare tutti quei luoghi comuni che circolano intorno all’anoressia e alla bulimia, nonché a quel pericoloso luogo comune che vede tali disordini alimentari, una stupida conseguenza (quasi un capriccio) del culto della magrezza troppo radicato nella cultura moderna.

L’autrice scrive con il cuore di una mamma che, reduce dalla propria esperienza personale, sa cosa significa fare i conti con quello che lei definisce CNC, ossia Condizione di Negatività Cronica, da cui scaturiscono poi tutti i disordini alimentari.

La prima parte del libro dunque narra le vicende personali di Peggy e il cammino terrificante, dalla disperazione alla salvezza, che ha compiuto accanto alle proprie figlie; la seconda parte invece illustra quelle che possono essere le cause di tali problemi affiancate da diversi strategie per affrontarle e numerosissimi consigli per tentare di prevenirli magari. Il libro è arricchito anche da diverse testimonianze reali di persone che l’autrice ha avuto in cura o ha semplicemente incrociato durante il suo cammino. Persone alle quali è stato semplicemente cambiato il nome, ma le cui storie sono quanto mai vere: Sono loro la mia fonte di ispirazione, e li amo con tutta me stessa.

 

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Annunci Google

Write a Reply or Comment:

Codice di Verifica * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Annunci Sponsorizzati

Genere

Trovaci su Facebook