Tag:

Piccole Storie Indaco di Paolo Amoruso

Piccole storie indaco, del giovane scrittore barese Paolo Amoruso, un'alternarsi di momenti ed emozioni vissute durante un viaggio nel profondo dell'anima, alla ricerca della felicità.

909 views No Comment
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading ... Loading ...

Scheda del Libro

Titolo Piccole Storie Indaco
Autore Paolo Amoruso
Uscita 20 Gennaio 2011
Editore La Gru
Pagine 68
ISBN 9788897092070
Anteprima
Genere Poesia
eBook Scarica qui

Recensione/Trama

Piccole Storie Indaco è una raccolta poetica particolare, particolare perché riesce a diversificarsi da tutte le altre per il suo carattere: forte e violento al tempo stesso.
Piccole Storie Indaco viene ufficialmente alla luce il 20/01/2011. E’ ospitato nella collana editoriale Scintille: rivolta e dedicata alla pubblicazione di opere letterarie di genere poetico.

Le Piccole Storie Indaco, sono un alternarsi di momenti ed emozioni mescolati tra loro nell’essenza di note dolci e amare, tra rabbia e serenità, dolore e gioia, tristezza e allegria. Inoltre Piccole Storie Indaco sono un ringraziamento alla grande poetessa Alda Merini che l’autore è riuscito finalmente a trasmettere al pubblico comune e non: gli altri. La poetessa Alda Merini per l’autore è stata, è, e continuerà ad essere una figura molto importante. L’autore infatti ha cominciato a scrivere poesie oltre l’atipico incoraggiamento da parte del dolore durante un periodo difficile prima della sua vita e poi della sua adolescenza, soprattutto dopo aver conosciuto le parole della Merini, le sue poesie, colori di speranza per il suo futuro ed il valore dei suoi sentimenti e importanze peculiari della vita.

Nelle poesie contenute nella raccolta poetica “Piccole Storie Indaco” l’autore cerca di trasmettere prima il senso profondo del suo dolore e poi quello materiale. Come specificato prima, Piccole Storie Indaco, nascono essenzialmente durante un pathos alla ricerca della felicità e la lotta contro un dolore improvviso: l’apatia. L’apatia è una forma di indifferenza totale che ferma la vita e la chiude, legata da un filo di spago o nylon tagliente, in una scatola sporca di: pensieri negativi, dubbi, pessimismo, pigrizia, svogliatezza, poca forza di volontà, rancore, tristezza, ansia, angoscia e sgomento interiore. Una sorta di graffetta che in questo caso ferma emozioni e sentimenti e non da agio a questi di essere parte dell’esistenza dell’individuo. La poesia in questo caso è appunto la medicina che cura questo dolore, la speranza per un futuro fatto di gioia, amore, spensieratezza e serenità. La voglia infinita di vivere la propria vita.

Piccole Storie Indaco ha ricevuto notevoli riconoscimenti. Il libro è stato recensito dal noto giornalista del Corriere Della Sera, Andrea Salvataci, il quale sin dal primo momento, ha chiesto grazie per aver conosciuto una voce poetica così “potente e destabilizzante”, difatti Salvataci ha accolto Piccole Storie Indaco nella sua rubrica letteraria personale e ha cercato di fare conoscere queste a quanti più lettori possibili e di proteggere le Piccole Storie Indaco attraverso l’incoraggiamento, l’entusiasmo e i complimenti meritati. Inoltre è stato recensito su: La Gazzetta Del Mezzogiorno, su testate giornalistiche dedicate al tema della letteratura, e tantissime recensioni online su blog letterari, siti letterari e altre pagine web al mondo dei libri dedicate.

L’intento di Piccole Storie Indaco è quello di trasmettere amore per la vita, speranza e positività.


Annunci Google



Recensioni Sponsorizzate


Stampa Foto Calendari

Video


Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Lasciaci un tuo commento

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.


+ cinque = 11